L’importanza dell’allenamento in progressione

L’allenamento progressivo è uno dei miei allenamenti preferiti e lo inserisco sempre nella preparazione degli atleti, sia evoluti che principianti. In particolare per questi ultimi diventa un allenamento fondamentale per riconoscere il ritmo di corsa, pesare il proprio limite ed imparare a gestire al meglio le forze in gara.

Si tratta di un allenamento che può essere inserito in tutte le fasi della preparazione (costruzione, specifico, agonistico) ed è ottimo per migliorare la resistenza e la potenza aerobica, sia per gli allenamenti stradali sia per il trail running.

L’essenza della progressione

L’essenza della progressione è saper identificare il ritmo di corsa e quindi dosare lo sforzo e le energie in relazione all’impegno richiesto.

Non è facile incrementare l’andatura e quando chiedo di farlo a chi ancora non ha acquisito la giusta sensibilità ottengo quasi sempre questi due risultati:

  1. una traccia della velocità molto sproporzionata a causa di incrementi eccessivi, che portano spesso ad interrompere la sessione prima del termine;
  2. una traccia piatta senza incremento scambiando l’affaticamento percepito in un aumento della veocità

Identificare e dosare la progressione dello sforzo è una capacità che va allenata e determina il passaggio da atleta principiante ad atleta avanzato.

Modelli di progressione

Ci sono diversi modelli di allenamento progressivo che prediligo e che utilizzo sia in base alla maturità dell’atleta sia in base agli adattamenti che vado ricercando.

La progressione del principiante

Per chi si trova ancora alle prime esperienze di allenamento strutturato preferisco dare come riferimento una suddivisione in 3 terzi con sole due velocità di riferimento: il Fondo Lento e la Velocità di Soglia Anaerobica.

La progressione deve essere a sensazione percorrendo 1/3 della distanza alla velocità del Fondo Lento ed i restanti 2/3 con una progressione fino alla Velocità di Soglia Anaerobica. 

Nel debrifing si va ad analizzare la progressione, si identificano gli errori e si definisce la prima progressione strutturata per i successivi allenamenti.

La progressione classica

La progressione classica prevede una prima parte al ritmo del Fondo Lento e successivamente un aumento dell’andatura con incrementi da 5-10” al km per un massimo di 5 o 6 chilometri di progressione.

Ad esempio:

  1. FP 15km: 10km @ FL + 5km in progressione con incrementi di velocità di 5”/km ogni km
  2. FP 15km: 12km @ FL + 3km in progressione con incrementi di velocità di 10”/km ogni km

Questo tipo di allenamento è particolarmente indicato per prendere confidenza con gli incrementi di ritmo e per migliorare il reclutamento delle fibre muscolari e relativi sistemi energetici.

Progressione avanzata

Rispetto alla progressione classica la progressione avanzata risulta essere più lunga e molto impegnativa dal punto di vista organico. 

Prevede 4 step di incremento della velocità: Fondo Lento, Fondo Medio, Velocità di Soglia Anaerobica, Velocità Aerobica Massima.

Lo schema che utilizzo è il seguente:

  1. Fondo Lento: 50%
  2. Fondo Medio: 30%
  3. Velocità di Soglia Anaerobica + Velocità Aerobica Massima per il restante 20%

Ad esempio:

  • FP 16km: 8km @ FL + 5km @ FM + 2km @ VSA + 1km @ VAMax

Questa progressione è particolarmente indicata per migliorare la VO2Max nella preparazione di trail corti che necessitano di velocità ed un’ottima capacità di utilizzare l’ossigeno in condizioni di forte stress muscolare.

Progressivo lungo

Il progressivo lungo è molto utile per gli adattamenti nella corsa su lunghe distanze e va sviluppato su distanze fino a 25 km. Si struttura in una prima fase breve di corsa lenta e di una lunga progressione che può essere interpretata in vari modi:

Ad esempio:

  1. FP 20km: 6km @ FL + 2km @  FL -5” + 2km @  FL -10” + 2km @  FL -15” + 2km @  FL -20” + 2km @  FL -25” + 2km @  FL -30” + 2km @  FL -35” 
  2. FP 20km: 5km @ FL + 3km @  FL -5” + 3km @  FL -10” + 3km @  FL -15” + 3km @  FL -20” + 3km @  FL -25”
  3. FP 20km: 4km @ FL + 4km @  FL -5” + 4km @  FL -10” + 4km @  FL -15” + 4km @  FL -20”
  4. FP 20km: 10km @ FL + 4km @  FL -5” + 3km @  FL -10” + 2km @  FL -15” + 1km @  FL -20”

Il progressivo lungo è particolarmente efficace per stressare il metabolismo energetico sulla lunga distanza e per migliorare la resistenza. Risulta molto utile per gli adattamenti necessari per la maratona e per i trail lunghi particolarmente veloci.

Se tutti questi numeri e termini ti sembrano geroglifici ma vuoi impegnarti per raggiungere un obiettivo agonistico, che sia FINISHER o il PODIO, prova dare una occhiata ai miei programmi di Preparazione Atletica e Nutrizione Sportiva e contattami per un colloqui preliminare.

Vuoi ascoltare l’articolo? Clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.